Data storageStorage

Boom nel terzo trimestre per le unità SSD, in arrivo una frenata “tecnica”

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

TrendForce segnala per il quarto trimestre 2016 il maggior rincaro sequenziale delle unità SSD, proprio per la loro popolarità nel trimestre precedente

Tutti puntano sulla sempre maggiore adozione dello storage flash, nello storage esterno ma anche per quello integrato nei personal computer – in primo piano i notebook – sotto forma di unità SSD. I numeri del mercato lo dimostrano, spiegano le recenti rilevazioni di TrendForce secondo cui circa il 30 percento dei notebook commercializzati quest’anno avrà al suo interno dischi allo stato solido invece di quelli a piatti rotanti. Questa quota dovrebbe diventare prevalente a breve, superando la soglia del 50 percento tra il 2017 e il 2018.

Non tutto però andrà per il meglio dal punto di vista dei produttori di PC e poi degli utenti: il prezzo medio delle unità SSD è previsto in aumento. TrendForce evidenzia infatti che nel quarto trimestre 2016 vedremo il più grande rincaro trimestre su trimestre da un anno a questa parte: tra il 6 e il 10 percento a seconda della tecnologia di memoria utilizzata. Le valutazioni sono state fatte per i “tagli” più popolari delle unità SSD, ossia quelli da 128 e 256 gigabyte.

Il problema, spiega TrendForce, è duplice. Il primo aspetto da considerare è proprio la popolarità delle unità SSD. Molti produttori di PC hanno presentato nel corso del terzo trimestre modelli con dischi flash che hanno avuto un buon riscontro di mercato. Questo ha portato una forte crescita (+25 percento) nelle vendite di SSD per notebook, crescita che i produttori di SSD hanno potuto gestire ma che ha come conseguenza una relativa penuria di disponibilità in questo quarto trimestre. Da qui l’innalzamento previsto dei prezzi.

Intel P3520
Intel P3520, una delle prime unità Intel 3D NAND

C’è poi un secondo aspetto, tecnologico. Quasi tutti i produttori di memorie flash stanno sperimentando problemi nel compiere la loro transizione alla tecnologia 3D-NAND, cosa che li spinge secondo TrendForce a mantenere alta la loro profittabilità complessiva e quindi a non favorire un abbassamento dei prezzi.

Complessivamente, le rilevazioni di TrendForce indicano che nel terso trimestre 2016 sono state vendute circa 32,3 milioni di unità SSD, pari a una crescita trimestre su trimestre del 15-20 percento. Le vendite considerate comprendono le unità che trovano spazio sia nei notebook sia nei PC desktop, come anche le vendite al canale. I bassi inventari alla fine del trimestre porteranno il mercato a rallentare questa crescita e si stima che nel quarto trimestre l’incremento sequenziale sia solo del 2-3 percento.

Whitepaper – Sei interessato ad approfondire l’argomento? Scarica il whitepaper  Software-Defined Storage: storie di successo