Data storage

I server NonStop di Hp si ripresentano in formato blade

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Gli antichi prodotti fault tolerant nati in Tandem si aggiornano, ma continuano a garantire il 99,99999% di disponibilità

Un bel po’ di tempo fa, esisteva un’azienda chiamata Tandem, che costruiva server top di gamma ad altissima disponibilità. I sistemi portavano il nome NonStop ed erano noti come fault tolerant. Tandem fu poi assorbita da Digital, poi passò in Compaq e infine in Hp, dove, malgrado tutti questi cambiamenti di “padrone”, ancora oggi esistono e fanno il loro mestiere, ovvero quello di garantire una disponibilità del 99,99999%.

Oggi, Hp li ripropone nel moderno formato “a lame”, con la denominazione di Integrity NonStop BladeSystem, indirizzandoli soprattutto agli ambienti applicativi real time o ad altissima densità transazionale. Come i loro fratelli storici, in sostanza, hanno come target le Borse, la banche impegnate su più fronti (pagamenti mobili, Internet banking), i carrier di telecomunicazioni, certe amministrazioni sanitarie e utenti simili.

L’imponente macchina Tandem si declina in un rack sotto forma di otto lame dual core Itanium 9100 a 1,66 GHz con i loro 48 Gb di Ram, le schede I/O e il sistema di storage. Il sistema Integrity NonStop BladeSystem è capace di gestire fino a 8.160 nodi, il tutto ospitato in uno chassis c-Class con alimentazione elettrica e raffreddamento adattati. Hp ha annunciato prestazioni raddoppiate per sistemi che occupano la metà dello spazio rispetto ai modelli precedenti. I server NonStop integravano già i processori Itanium da diversi anni, ma non supportavano le funzioni multicore. Anche il sistema operativo parallelo NonStop kernel può gestire il multiprocessing simmetrico delle Cpu multicore. L’adozione dell’architettura Itanium, dunque, è questa volta totale e completa.

Il costruttore non ha comunicato il consumo degli Integrity NonStop BladeSystem, ma visto che le macchine supportano un tasso di carico applicativo elevato, a consumo energetico costante le prestazioni dovrebbero essere ben più elevate che in passato. Infine, Hp riconosce come concorrenti su questa fascia di prodotti i soli mainframe Serie z di Ibm, tanto da proporre un NonStop gratuito a coloro che vorranno cambiare fornitore di riferimento.