Data storage

Dot Hill, dagli array di storage alla virtualizzazione

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Dot Hill apre alla virtualizzazione e compra Cloverleaf Communications

Dot Hill , finora nota per i suoi sottosistemi a disco offerti sul mercato Oem, si muove verso la virtualizzazione dello storage comprando Cloverleaf, software house specializzata. Dot Hill è un concorrente di LSI e Xyratex nella fornitura di sottosistemi a disco sul mercato Oem con clienti come HP, Netapp e Sun Microsystems. Le sue mosse più recenti riguardano la fornitura di software Raid e ora, con Cloverleaf, la fornitura di software di virtualizzazione.
Ricordiamo che LSI aveva acquisito l’israeliana StoreAge per il suo prodotto SVM di virtualizzazione in ambito Storage Area Network. Una recente acquisizione di LSI è anche Onstor per soluzioni di tipo Nas.

Cloverleaf , una società a capitale israeliano con sede negli Stati Uniti, propone un software che gira su piattaforma hardware Intel . La suite , che porta il nome di Intelligent Storage Network , è progettato per lavorare in modo eterogeneo su storage array di diversi fornitori e fornisce una serie di servizi gestiti da un’unica interfaccia. In questo modo Dot Hill si dota di software in grado di gestire i suoi drive array e quelli di altri vendor.