CloudData storageDatabasePaas

Talend Integration Cloud ora consente la governance centralizzata dei dati

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

Si possono valorizzare i dati solo permettendone un corretto consumo. Governance, protezione, ma anche accesso rapido ai dati è quanto promette la nuova versione di Talend Integration Cloud

Talend Integration Cloud è la soluzione iPaas, ovvero Integration Platform As A Service, che permette l’utilizzo diffuso dei dati per le attività decisionali. Ora la nuova versione integra la proposta cloud di Talend Data Preparation, per offrire i dati da consumare come servizio alle diverse figure aziendali che ne hanno bisogno ma allo stesso tempo lasciando sotto il controllo dell’IT ogni aspetto di governance sulle informazioni.

Ci muoviamo quindi in un ambito strategico; secondo Gartner infatti, entro il 2019, le organizzazioni di dati e analisi che forniscono set di dati interni ed esterni agili e curati, per diversi autori di contenuti, raddoppieranno i vantaggi per l’azienda rispetto a coloro che non lo fanno, e sarà quindi abilitante anche la preparazione dei dati self-service come processo agile e iterativo per esplorare, combinare, ripulire e trasformare i dati grezzi in set di dati per la data science, la data discovery, la business intelligence e le analisi.

Talend Data Preparation (TDP) si innesta in questo contesto: soddisfa uno dei bisogni primari oggi per le aziende e cioè quello di valorizzare il patrimonio informativo, grazie alla possibilità di consultazione e a un time-to-insight fino a tre volte più rapido, ma in sicurezza, per utilizzare in modo più efficiente gli asset strategici e migliorare le prestazioni aziendali e quindi la competitività.

Lo conferma Ashley Stirrup, CMO di Talend: “I dati sono il nuovo “carburante” che alimenta oggi le imprese. Per promuovere in modo efficace gli obiettivi aziendali e diventare veramente data-driven, le aziende devono autorizzare tutti i membri dell’organizzazione ad accedere, qualificare, analizzare e applicare le informazioni alle loro attività lavorative quotidiane”. 

Una schermata di Talend Data Preparation
Una schermata di Talend Data Preparation

Data Preparation Cloud si propone con un’interfaccia lineare, semplice con la possibilità di estrazione del valore dei dati in modo veloce. Questa release autunnale offre una nuova console di gestione con un’interfaccia utente migliorata, API Job Execution con nuove e aggiornate operazioni per avviare ed elencare i task e la versione cloud di Talend Studio Project Management e Project Authorization sulla base di Source Control (Git) per aiutare a estendere le funzionalità del prodotto ai vari team.  

TDPC è a tutto tondo un’applicazione cloud gestita per la preparazione del dato e operativi in pochi secondi, senza installazioni, e senza necessità di manutenzione. Nel dettaglio è possibile avere accesso self-service a qualsiasi fonte dati, collaborare con i colleghi sui progetti, accedere ai dati provenienti da applicazioni Saas, DB anche in cloud come on-premise, proteggere comunque dati sensibili da specifiche fonti, condividere i progetti con l’IT. 
Per quanto riguarda la protezione del dato inoltre Talend Data Preparation Cloud è in grado di gestire l’accesso alle informazioni aziendali in base ai ruoli, monitorare la qualità delle stesse e le policy di governance per mantenerne l’accuratezza e la sicurezza.

Si è accennato alle potenzialità della soluzione iPaas nell’ambito della velocizzazione dell’accesso ai dati. Agli utenti business Data Preparation Cloud riduce il tempo necessario per preparare i dati per l’analisi grazie ad un’interfaccia utente intuitiva con passaggi guidati per la pulizia e la qualificazione, all’IT la soluzione pttimizza il time-to-delivery perché elimina i passaggi dei cicli di progettazione tra IT centrale e le funzioni di business, in modo da accelerare il completamento del progetto.