Business intelligenceData storage

Intel crea una divisione specifica per l’AI

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

L’Artificial Intelligence Products Group armonizzerà gli sforzi di Intel collegati all’AI, focalizzandoli in primo luogo intorno al Nervana Engine

Già da qualche tempo Intel ha dato una decisa accelerazione alle sue attività collegate all’intelligenza artificiale, considerandola per molti versi come la nuova forma di computing nella quale giocare lo stesso ruolo che Intel ha giocato nell’elaborazione tradizionale con generazioni e generazioni di processori. I passi per andare avanti su questa strada sono già stati molti ed ampio spettro, mancava forse una focalizzazione organizzativa più precisa ora che le acquisizioni e le tecnologie Intel in campo AI si fanno sempre più numerose.

Ora la focalizzazione è arrivata: Intel ha deciso di creare una nuova organizzazione – l’Artificial Intelligence Products Group (AIPG) – che è trasversale alle varie linee di business della società. Lo scopo della nuova organizzazione è principalmente mettere in sinergia fra loro le varie risorse che sono sparse per Intel ma che dovrebbero tutte, con le loro specificità, partecipare allo sviluppo di soluzioni di intelligenza artificiale.

Naveen Rao, fondatore di Nervana e oggi in Intel
Naveen Rao, fondatore di Nervana e oggi in Intel

Oltre alla nuova organizzazione, Intel ha deciso di creare anche un laboratorio di ricerca applicata collegato alle tematiche dell’intelligenza artificiale. L’obiettivo è “esplorare nuovi approcci architetturali e algoritmici” per creare nuove soluzioni di AI che possano vedere applicazione “dal datacenter a dispositivi edge” e per aspetti dell’intelligenza artificiale che spaziano dall’addestramento all’inferenza.

Non è una sorpresa che a capo della nuova organizzazione sia stato posto Naveen Rao, ex CEO dell’acquisita Nervana. Proprio le soluzioni sviluppate da Nervana oggi rappresentano la parte più avanzata degli sviluppi hardware di Intel in campo AI e su queste la società intende puntare. Sia per quanto riguarda la piattaforma in sé sia per tutto quello che man mano le potrà ruotare attorno in campo hardware e software.