CloudNetworkNetwork managementVirtualizzazione

VMware si prende VeloCloud per le soluzioni SD-WAN

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

VMware chiude il cerchio dell’offerta in cloud software defined con l’acquisizione di VeloCloud. Il mercato SDN vale oggi un miliardo di dollari, saranno otto nel 2021

VMware ha annunciato l’accordo di acquisizione di VeloCloud Networks per le sue soluzioni in ambito Software Defined Network, e più nello specifico SD-WAN, distribuite nel cloud al servizio dei service provider e delle aziende.

Si tratta di un mercato che secondo IDC dovrebbe cubare oltre un miliardo di dollari solo quest’anno e crescerà nel corso del prossimo di quasi il 70 per cento per un valore da qui al 2021 di circa 8 miliardi di dollari e la mossa di VMware è in continuità con l’altra importante acquisizione del 2012, quando VMware pagò circa un miliardo di dollari per la startup Nicira (da cui NSX) e per avviarsi a diventare anche una “virtual network company”.

Con l’acquisizione di VeloCloud, VMware si allinea nella sfida a Cisco che si è già mossa sul mercato. Cisco in questo ambito per esempio ha acquisito proprio la scorsa estate Viptela per 600 milioni di dollari. E’ attesa anche la mossa di HPE

Ora  VMware potrà far leva sui software VeloCloud per fare crescere la piattaforma di virtualizzazione VMware NSX nell’ottica di automazione end-to-end e della continuità applicativa, sotto l’egida di un’architettura completamente software-defined che in ambito networking significa poter disporre di una rete distribuita e programmabile.

Pat Gelsinger Ceo VMware
Pat Gelsinger Ceo VMware

Spiega la mossa strategica Pat Gelsinger, CEO di VMware: “Ci muoviamo da un modello di data center classico a un modello in cui si può contare su più centri dati distribuiti, con più sfide, ma anche più sicuro. In questo scenario VMware vuole fornire una connettività pervasiva con la sicurezza integrata che collega gli utenti alle applicazioni ovunque esse siano”

In pratica le aziende potranno disporre di infrastrutture in cloud distribuite e quindi di livello globale , liberandosi dai costi fissi, indipendenti nella gestione non solo di storage e computing, ma anche dal punto di vista del networking.

La WAN di VeloCloud, software defined, offre servizi virtuali dal cloud alle filiali fino alla connettività mobile, sfruttando appliance x86 per l’aggregazione dei collegamenti a banda larga e l’orchestrazione in cloud. Una tecnologia, quella SD-WAN ideale per lasciare l’architettura di rete statica per una dinamica e scalabile. 

VMware e VeloCloud Networking chiuderanno la transazione nel primo trimestre del 2018.