CloudProgettiSicurezza

Veeam a gonfie vele per i fatturati record del 2017

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l’evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

Veeam ha fatto registrare ricavi per 827 milioni di dollari nel 2017 con un incremento del 36 percento rispetto al 2016. il fiore all’occhiello della proposta Availability Suite 9.5 Update 3 alla base dei risultati nel mid market e soprattutto in ambito enterprise

Vale quasi un miliardo di dollari il business di Veeam (282mila clienti , 4mila nuovi clienti ogni mese e leader secondo Gartner nel quadrante di giugno 2017 Data Center Backup and Recovery Solution), azienda che a pieno titolo si presenta tra le software company più brillanti per le sue soluzioni di Availability for the Always-On Enterprise.
Veeam, infatti, ha fatto registrare ricavi per 827 milioni di dollari nel 2017 con un incremento del 36 percento rispetto al 2016.

La crescita è maturata soprattutto nel settore Enterprise (+62 percento), con un numero di ordini superiori al milione di dollari cresciuto del 500 percento, quintuplicato quindi, mentre oltre 100 milioni di dollari di ricavi sono arrivati grazie alla partnership con le Alliance. Solo nel quarto trimestre, nel confronto anno anno su anno, Veeam è cresciuta del 48 percento con 299 milioni di dollari di fatturato.    

Veeam propone ai propri clienti la sua piattaforma  per garantire la disponibilità dei carichi di lavoro virtuali, cloud e fisici declinata in oggi nella versione Veeam Availability Suite 9.5 Update 3 (l’ultima release estende la protezione dati leader VMware vSphere e Microsoft Hyper-V per fornire disponibilità su qualsiasi applicazione, dato e attraverso qualsiasi cloud da una singola piattaforma di gestione).

Tra le novità del 2017 l’assunzione più di mille dipendenti e i miglioramenti continui alla piattaforma di protezione del singolo dato e di Availability con la release di Veeam Backup for Microsoft Office 365, Veeam Agents, Availability Console e Availability Suite 9.5 Update 3 con gestione integrata dell’agent, che ora consente a Veeam di proteggere qualsiasi applicazione, dato e cloud. 

Peter McKay, Ceo di Veeam
Peter McKay, Ceo di Veeam

Peter McKay, Co-Ceo e President di Veeam, nel suo primo anno completo di incarico ha messo in campo una strategia sensibile al contesto IT come è percepito dalle aziende che stanno affrontando una diffusione massiccia di dati, e hanno il bisogno di assicurare l’Availability dei dati e delle applicazioni, attraverso un complesso ambiente multi-cloud.

Quindi attraverso una serie di mosse in termini di focus di mercato, partnership e organizzazione interna, Veeam si è assunta alcuni rischi e ha valorizzato le alleanze con i top vendor.

Spiega McKay“Nel 2017, e specialmente, nel Q4, abbiamo messo in atto i nostri piani, con l’obiettivo di raggiungere il miliardo di ricavi entro la fine del 2018, e i risultati valgono più di mille parole. Le nostre alleanze si sono rafforzate, come con HPE, Cisco e NetApp, con oltre 100 milioni di ricavi derivanti da queste collaborazioni. Abbiamo ampliato i nostri team in tutto il mondo, tutto ciò ha contribuito alla realizzazione degli obiettivi”. 

L’azienda ha maturato ottimi risultati nel nel mid-market e nel settore Enterprise che rimarrà focus anche per il futuro. La  sua crescita è stata facilitata dal calo dei vendor legacy. Punto di forza del vendor è infatti la capacità di fornire la disponibilità di qualsiasi applicazione, dato e su qualsiasi cloud. Indubbio ora l’obiettivo del miliardo di dollari per il 2018.