Big DataCloudData storageDatacenter

Talend Data Fabric, passi avanti nell’integrazione multi-cloud dei Big Data

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

Talend Summer’ 17 è la nuova versione di Talend Data Fabric, le nuove opportunità per chi sceglie un approccio multicloud e vuole gestire dati puliti in modo agile

Talend Summer’ 17 è il nome della nuova versione di Data Fabric per l’integrazione su cloud diverse dei Big-Data e offre supporto completo alle principali piattaforme: Amazon, Google e Azure di Microsoft.

La possibilità di gestire le proprie risorse su cloud eterogenei e le soluzioni per la perfetta trasparenza nella gestione dei dati in questi casi sono fattori critici per le scelte dei clienti e Talend con la sua piattaforma Data Fabric si trova in una posizione strategica avvantaggiata da questo punto di vista.

Talend Summer'17 - Una shermata della consolle di preparazione dei dati
Talend Summer’17 – Una shermata della consolle di preparazione dei dati

Conferma il trend IDC secondo cui se da un lato per le aziende è importante poter scegliere servizi cloud da provider diversi,  allo stesso modo anche l’approccio multi-cloud è già appannaggio di circa il 50% delle aziende, mentre un altro 20% implementerà una strategia in questo senso da qui a 12 mesi. L’esigenza è di sviluppare pipeline di dati su qualsiasi piattaforma cloud con la certezza della compatibilità nello sviluppo per tutti i cloud di ultima generazione in ambito open source. 

Per questo Talend Data Fabric Summer’17 mette a disposizione una libreria nutrita di componenti nativi, sfrutta intensivamente strumenti agili come drag-and-drop per creare flussi di big data, supporta AWS e include nuove funzionalità su Cloudera Altus (con il primo supporto in modalità Paas), Google Cloud Platform, Microsoft Azure, e Snowflake..

Per Snowflake è a disposizione un connettore per caricare grandi quantità di dati e migrarli a una velocità fino a 20 volte superiore, in modo da agevolare il loro passaggio da strutture on-premise in cloud.

Quando poi la quantità di dati sarà cresciuta ecco che la versione Summer’ 17 mette a disposizione algoritmi di machine learning da Apache Sparck per la loro bonifica, in modo da consentire di disporre di un data set sempre pulito. Algoritmi e funzionalità di machine learning funzionano in modo ottimizzato con l’app Talend Data Stewardship, basata sui ruoli per adattarsi meglio ai diversi data set.

Talend Summer’17 è già disponibile e i clienti di Talend Integration Cloud riceveranno l’aggiornamento alla nuova versione il 18 luglio.