CloudServer

Segno positivo per il mercato HPC

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Google + Linkedin Iscriviti alla newsletter Lascia un commento

Il mercato HPC cresce, grazie al segmento dei sistemi con maggiore potenza

I dati IDC relativi alla vendita di sistemi di High Performance Computing nel terzo trimestre 2016 indicano che il mercato HPC è cresciuto anno su anno del 3,9 percento, totalizzando ricavi per 2,8 miliardi di dollari. Una crescita simile (3,4 percento) si nota anche esaminando i ricavi per i primi tre trimestri dell’anno, che hanno totalizzato 8,1 miliardi di dollari.

Si tratta di un risultato molto positivo se lo si confronta con il mercato server in generale, che nello stesso terzo trimestre 2016 ha fatto segnare una flessione del 7 percento anno su anno, con un giro d’affari di circa 12,5 miliardi di dollari.

L’andamento del mercato HPC è positivo grazie in particolare alla crescita dei ricavi per i sistemi di fascia più alta, mentre quelli di fascia più bassa hanno fatto segnare un declino. Il segmento dei supercomputer (da 500 mila dollari in su) è cresciuto del 22,3 percento anno su anno e ha generato ricavi per 985 milioni di dollari circa. C’è stata una crescita anche per i sistemi definiti Divisional (da 250 a 499 mila dollari): un +22,4 percento che ha portato il mercato a 568 milioni di dollari.

Supercomputer NeXtScale di Lenovo
Supercomputer NeXtScale di Lenovo

I segmenti dei sistemi a minor costo hanno invece fatto tutti segnare una flessione. Si è trattato di un calo del 14,4 percento per i sistemi dipartimentali (100-249 mila dollari), che hanno mosso ricavi per 976,4 milioni di dollari, e del 8,7 percento per i sistemi da workgroup (sino a 100 mila dollari) con il loro giro d’affari di 395,5 milioni. IDC sottolinea che si tratta di una flessione tecnica, in un certo senso, perché in questi segmenti le aziende avevano già fatto importanti investimenti nel periodo 2012-2015 e non hanno quindi ora bisogno di acquistare nuovi sistemi.

Lo spostamento del mercato HPC verso i sistemi di fascia più alta si riflette sui volumi, inevitabilmente: si vendono sistemi più costosi ma in minura minore. Nel terzo trimestre 2016 sono stati venduti infatti 63.385 sistemi contro i 71.479 dello stesso periodo di un anno fa. Però il prezzo medio di vendita è passato da 109 mila dollari circa a 127 mila.

In quanto a vendor, HPE guida il mercato HPC in generale con il 35,8 percento di market share, seguita da Dell (18,5 percento) e Lenovo (8,6). Stesso podio e percentuali di mercato molti simili anche nel segmento più importante, quello dei supercomputer: qui HPE guida con il 37 percento di market share, con Dell al 13,3 e Lenovo al 8,1.