CloudServer

Qualcomm crea una nuova società in Cina per il mercato dei server

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Qualcomm ha realizzato una joint venture dedicata alla progettazione e alla produzione di chip per server, mettendo un piede nel mercato cinese dei Big Data

Qualcomm inizia bene il 2016 dopo aver archiviato le sue questioni interne. La società americana ha costituito una joint venture con la Provincia di Guizhou, in Cina, per lo sviluppo e la produzione di chipset per server destinati al mercato cinese. Battezzata Guizhou Huaxintong Semi-Conductor Technology, la nuova società parte con un capitale iniziale di circa 280 milioni di dollari ed è controllata al 55 percento dalla società di investimenti della Provincia di Guizhou e per il restante 45 percento da una controllata di Qualcomm.

L’importanza dell’annuncio è stata sottolineata dalla presenza a Pechino, dove è stato firmato l’accordo di costituzione della joint venture, sia di Steve Mollenkopf, CEO di Qualcomm, sia di Derek Aberle, Presidente della società. La nuova società rientra in un più ampio piano di cooperazione tra Qualcomm e la Provincia di Guizhou. La società americana ha definito un impegno a lungo termine con le autorità locali che prevede anche la creazione di una società di investimenti per future altre iniziative.

Steve Mollenkopf, CEO di Qualcomm
Steve Mollenkopf, CEO di Qualcomm

Derek Aberle ha tra l’altro spiegato che la joint venture riceve in licenza la tecnologia per chip server sviluppata da Qualcomm e potrà sfruttare le competenze della società americana per avviare le sue attività di ricerca e sviluppo. Qualcomm ha sottolineato che la Cina è il secondo mercato mondiale per quanto riguarda i server e non è di certo l’unica azienda americana a essersi mossa in questo senso.

In particolare, la Provincia di Guizhou intende realizzare un distretto industriale dedicato ai Big Data che comprenderà anche un insieme di datacenter che si prevede impiegherà circa due milioni e mezzo di server. Gli utenti di questa struttura saranno alcune delle principali aziende di telecomunicazioni cinesi come China Telecom, China Unicom e China Mobile.