CloudServer

AMD Naples, più core per superare Intel

Giornalista e collaboratore di TechWeekEurope, si occupa professionalmente di IT e nuove tecnologie da oltre vent'anni e ha collaborato con le principali testate italiane di settore

Follow on: Linkedin

Con la CPU per server Naples, AMD punta a scalzare il predominio degli Xeon. A colpi di core.

Datacenter is at the core è uno degli slogan che AMD ha scelto per la presentazione di un’anteprima di Naples, il processore server che adotta la medesima architettura Zen che abbiamo già visto per le CPU desktop Ryzen. Ed è uno slogan doppiamente significativo: da un lato sottolinea la (evidente) importanza dei datacenter e quindi come sia comunque positivo che lo sviluppo tecnologico delle CPU riguardi anche questo mondo, dall’altro mette l’accento su una delle carte che AMD gioca in questa partita, ossia la densità dei core.

La strategia di AMD per cercare di scalzare anche in campo server il predominio di Intel è, anche a livello di comunicazione, molto chiara: Intel segue un percorso di evoluzione incrementale che, specie in campo server, ha portato a una quasi-stagnazione, si può fare parecchio di meglio. Per Ryzen il messaggio è stato “più core a costo minore”, per Naples è lo stesso con l’aggiunta di altre componenti tecnologiche pensate per il mondo GPU.

AMD Naples
AMD Naples

Naples è un processore a 32 core e 64 thread, dispone di 8 canali per la memoria, gestisce un massimo 2 TB di RAM e ha 128 connessioni PCIe. È studiato per server a doppio socket, quindi per sistemi che così possono raggiungere i 4 TB di memoria. AMD lo contrappone ai processori Intel Xeon E5 V4, che numericamente non arrivano a queste specifiche ma si fermano ad esempio a 22 core e quattro canali per la memoria.

AMD ha anche lavorato su alcune caratteristiche innovative. Ad esempio i 128 pin PCIe nelle configurazioni a doppio processore sono divisi a metà. 64 “lane” PCIe per processore servono effettivamente all’input-output, mentre gli altri 64 vengono usati per la comunicazione tra processori o per il dialogo verso GPU.

In questo senso AMD intende portare sul mercato delle GPU Radeon Instinct progettate apposta per questa connessione diretta ai processori Naples. Opereranno come acceleratori per la gestione di workload intensivi, in stile HPC.

naples-2La capacità di interconnessione e di indirizzare una quantità superiore di memoria RAM favorisce evidentemente Naples in alcune applicazioni, rispetto alla controparte Xeon. AMD, come aveva fatto per Ryzen, ha dato alcuni valori indicativi di test secondo cui le nuove CPU battono abbastanza largamente la concorrenza, è però quantomeno probabile che le applicazioni scelte siano state favorite appunto dalle caratteristiche peculiari di Naples.

Ne potremo sapere di più, anche per frequenze operative e prezzi, quando i processori saranno effettivamente lanciati. AMD punta al secondo trimestre dell’anno.