CloudSaas

Ora Watson si occupa anche di compliance in campo finanziario

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

IBM acquisisce Promontory Financial Group per addestrare Watson nel settore della compliance finanziaria: le normative sono diventate troppe per il controllo umano

Una nuova acquisizione per portare l’intelligenza artificiale di Watson in un campo finora toccato solo indirettamente: IBM ha acquisito Promontory Financial Group, società di consulenza specializzata in risk management e compliance, perché i suoi oltre seicento professionisti “addestrino” Watson con le loro competenze. Dopodiché Watson continuerà a migliorarsi assorbendo le nuove normative che saranno man mano sviluppate e interagendo con applicazioni pratiche reali.

Secondo IBM la verifica dei requisiti imposti dalle normative e dal risk management è uno dei compiti tradizionalmente ideali per le funzioni cognitive di Watson. Lo scorso anno secondo Big Blue sono stati implementati oltre 20 mila nuovi requisiti normativi e il personale umano non ha più la capacità di seguire l’evolversi di un corpus normativo che entro il 2020 dovrebbe arrivare a 300 milioni di pagine da consultare virtualmente. Anche per questo oggi le attività collegata alla verifica normativa assorbono circa il 10 percento delle spese operative aziendali.

Michelle Unger, General Manager IBM Watson Group EMEA
Michelle Unger, General Manager IBM Watson Group EMEA

L’altro lato della medaglia è che quesa fase di controllo rappresenta proprio per queste proiezioni un mercato da 270 miliardi di dollari l’anno. Lo staff di Promontory è secondo IBM riconosciuto come tra i migliori del suo campo e può insegnare a Watson quello che serve per iniziare, allo stesso modo – ha sottolineato Bridget van Kralingen, senior vice president IBM Industry Platforms – di ciò che hanno fatto oncologi esperti per le attività che il sistema cognitivo sta portando avanti in campo medico.

La collaborazione è ovviamente a doppio senso. Quello che Watson impara e scopre servirà a Promontory, che opererà come subsidiary di IBM, per estendere il proprio raggio d’azione e ampliare la propria offerta in vari ambiti: controllo dei requisiti normativi, controlli anti-riciclaggio, modellazione dei rischi finanziari. Le competenze di Promontory saranno anche a disposizione, più ampiamente, dei vari servizi consulenziali offerti da IBM.