CloudSaas

Office 365: novità tra OneDrive e sicurezza

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Per Office 365 migliorano le funzioni di OneDrive e la protezione della posta elettronica

Gennaio si va chiudendo con alcune novità per gli utenti di Office 365 nelle aziende. Se la notizia più di rilievo resta la disponibilità di Microsoft StaffHub, la casa di Redmond ha anche lavorato al miglioramento delle funzioni legate allo storage di OneDrive e alla difesa dalle minacce che possono arrivare attraverso la posta elettronica.

Le principali novità di OneDrive riguardano la possibilità di usare il client del servizio di storage online di Microsoft per avere sempre a disposizione, attraverso sincronizzazione, anche i Team Site di Sharepoint e le cartelle condivise di OneDrive for Business. La seconda funzione è automatica, mentre la prima richiede una autorizzazione esplicita di un amministratore dello specifico account Office 365.

Alcune delle funzioni del nuovo Admin Center di OneDrive
Alcune delle funzioni del nuovo Admin Center di OneDrive

Altra novità di OneDrive è il lancio di un nuovo Admin Center che permette di gestire con più precisione i vari diritti di accesso degli utenti ai documenti contenuti in uno spazio OneDrive. In particolare, la console di gestione permette di definire policy diverse a seconda del tipo di dispositivo utilizzato e della rete in cui si trova.

Le novità di OneDrive comprendono anche, tra l’altro, il rilascio di un nuovo client per Mac,la semplificazione delle operazioni di condivisione dei file e l’estensione dell’activity feed a tutti i tipi di utenti.

Lato sicurezza sono state invece rese disponibili due funzioni denominate URL Detonation e Dynamic Delivery. La prima è una funzione che “testa” i link ai file ai siti web contenuti nei messaggi di posta elettronica e presenta un avviso di pericolo quando la pagina o il file a cui puntano sono considerati potenzialmente pericolosi. Il destinatario del messaggio può ignorare l’avviso, il sistema può però tenere traccia del comportamento “rischioso” del dipendente.

URL Detonation tiene traccia dei link testati e degli eventuali clic dei destinatari
URL Detonation tiene traccia dei link testati e degli eventuali clic dei destinatari

Dynamic Delivery è invece una funzione che permette di leggere e rispondere a un messaggio di posta anche mentre i suoi allegati sono ancora in fase di scansione da parte di Office 365 Advanced Threat Protection. Quando la scansione è completata, il sistema ri-allega i file sicuri al messaggio e filtra quelli giudicati pericolosi.

Partecipa alla nostra inchiesta: La tua azienda adotta soluzioni cloud?

… per rispondere alle altre tre domande, clicca qui…

WHITE PAPER: Sei interessato ad approfondire l’argomento? Scarica il whitepaper “Come difendersi dagli… antivirus