CloudSaas

Infor cresce grazie al cloud, che raddoppia il suo giro d’affari

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

La parte SaaS del business di Infor è quasi il dieci percento del giro d’affari complessivo, mentre il software convenzionale cala ma in maniera controllata

Infor ha reso pubblici i risultati finanziari relativi al quarto trimestre fiscale 2016 e di conseguenza anche a tutto l’anno fiscale. Nel trimestre i ricavi GAAP sono stati di 716,4 milioni di dollari, che raffrontati ai 658,7 dello stesso periodo dell’anno precedente rappresentano una crescita del 8,8 percento. Secondo la software house l’incremento del giro d’affari deriva soprattutto da un aumento dei ricavi legati agli abbonamenti ai servizi cloud, segno che Infor sta procedendo sulla strada prefissata di aumentare la parte ricorrente del business. La parte tradizionale viene considerata invece “piatta”.

A parte il software, che ha rappresentato buona parte dei ricavi (541,5 milioni di dollari nel trimestre), il business di Infor è fatto dalla parte consulenziale che ha mosso quasi 175 milioni di dollari con una crescita anno su anno del 3,7 percento.

I risultati per tutto l’anno fiscale 2016 danno una indicazione più precisa di quanto Infor stia progredendo sulla strada del cloud. Sempre considerando le cifre GAAP l’azienda ha avuto ricavi per 2,7 miliardi di dollari contro i 2,4 del 2015 fiscale, che però per ragioni di diversa contabilizzazione è un anno di soli undici mesi.

inforInfor ha pubblicato anche una tabella riassuntiva (pro forma, non GAAP) con un confronto più diretto fra gli undici mesi con termine rispettivamente ad aprile 2016 e aprile 2015. I ricavi del primo periodo scendono a 2,5 miliardi circa con una crescita del 2,2 percento anno su anno.

Nel confronto a undici mesi la parte software cresce complessivamente del 3,5 percento. Abbiamo anche la suddivisione del business per parte SaaS e licenze convenzionali. Il cloud cresce del 124 percento (circa 241 milioni di dollari contro 108) mentre la parte classica cala del 6 percento (350 milioni contro 372). Il grosso del business software è fatto da aggiornamenti e supporto (1,29 miliardi di dollari) ma questa parte è in leggero calo anno su anno (-3,6 percento) per effetto della migrazione al cloud.

Fatti i debiti calcoli, nel 2016 “corretto” a undici mesi la parte SaaS ha rappresentato il 12,8 percento del business software e il 9,7 percento dei ricavi complessivi dell’azienda.