CloudIaas

Partnership strategica tra Veritas e Microsoft, per il cloud storage ibrido

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Veritas sceglie Azure come piattaforma preferenziale per sviluppare soluzioni di hybrid cloud storage

A quasi un anno dalla separazione operativa da Symantec, Veritas entra in una nuova “relazione” molto stretta e a lungo termine: il partner stavolta è Microsoft, con cui è stata definita una collaborazione “strategica, globale e di diversi anni” legata al mondo cloud di Azure. In particolare la collaborazione – che le due aziende sottolineano derivare da una loro più generica partnership collaudata da tempo – è incentrata sulla diffusione delle soluzioni di cloud storage ibrido.

Veritas e Microsoft ritengono che il cloud storage ibrido presenti due ordini di vantaggi. Il primo è strettamente legato ai costi dello storage: spostare in cloud parte dei propri dati permette di avere on-premise meno unità di storage e quindi di risparmiare. Nel caso specifico, però, fermarsi alla memorizzazione è riduttivo: una volta che sono stati salvati in cloud, i dati possono essere sfruttati in maniere innovative attraverso i servizi cloud di Azure.

Massimiliano Ferrini, Head of Sales for Italy di Information Management Entity di Veritas
Massimiliano Ferrini, Head of Sales for Italy di Information Management Entity di Veritas

L’idea di Veritas e Microsoft è quella di organizzarsi per offrire ai clienti comuni nuove offerte cloud, combinando due offerte che prima erano semplicemente complementari. Questo avviene anche attraverso due novità mirate per l’offerta Veritas.

La prima è che la piattaforma di protezione dati Veritas NetBackup 8.0 ora supporta lo storage tiering collegato con Microsoft Azure. Nelle procedure di gestione del ciclo di vita delle informazioni è quindi possibile prevedere anche il passaggio in cloud. Una funzione simile, ma meno evoluta, è stata inserita anche in Veritas Backup Exec 16 per quanto riguarda i dati dei backup.

E per dare un segnale di quanto punti su Azure, Veritas ha deciso di sfruttarlo in prima persona come piattaforma tramite cui erogare il suo servizio di archiviazione in cloud Enterprise Vault.cloud. Si tratta di una piattaforma di archiviazione che conserva, secondo precise policy e con attenzione ai requisiti di compliance, contenuti che possono provenire ad esempio da Exchange, Office 365, SharePoint, Lync, piattaforme di unified communication, sistemi BlackBerry e servizi di cloud storage come Box.

Partecipate alla nostra inchiesta: Sicurezza IT, come difendersi?


… per rispondere alle altre tre domande, clicca qui…