CloudEnterpriseFisco e FinanzaMobility

Le brevi della settimana

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Google + Linkedin Iscriviti alla newsletter Lascia un commento

Le novità di Dassault, Dell EMC, Forcepoint, Lenovo, Microsoft e IBM

Dassault Systèmes chiude bene l’anno fiscale 2016: nell’ultimo trimestre la multinazionale francese ha conseguito un incremento del 10 percento circa, anno su anno, dei ricavi totali, dei ricavi dalla vendita di nuove licenze e degli utili per azione. Nel 2016 le vendite di software 3DExperience hanno prodotto un aumento dei ricavi del 25 percento, favorendo secondo l’azienda una diversificazione dei settori industriali e dei mercati. Fra i vari brand di Dassault Systèmes, il contributo più significativo è giunto dagli applicativi destinati alla gestione e all’ottimizzazione delle attività manifatturiere, come Delmia e Quintiq.

Dell EMC entra in più diretta concorrenza con alcuni produttori di sistemi convergenti per così dire d’ingresso grazie all’integrazione di due suoi prodotti prima separati: la piattaforma Enterprise Hybrid Cloud (EHC) e le VxRail Appliance. Combinare le due soluzioni dovrebbe, nelle intenzioni, semplificare il passaggio all’hybrid cloud per le aziende più piccole. EHC su VxRail Appliance offre infatti un hybrid cloud “chiavi in mano” ottimizzato per deployment da 200 a 1.000 macchine virtuali.

Microsoft Teams
Microsoft Teams

Microsoft vuole coinvolgere maggiormente gli sviluppatori nella crescita della sua piattaforma di comunicazione Teams e a questo scopo ha ampliato le funzioni disponibili nella versione Developer Preview. Tra le novità si segnalano il supporto per i chatbot sviluppati con il Microsoft Bot Framework, che prima potevano essere usati solo in chat private e ora possono partecipare a un intero canale. Maggiore elasticità anche nell’uso dei tab, che in pratica sono canvas per eseguire applicazioni web in Teams: ora è possibile usare link che puntano a elementi specifici all’interno delle applicazioni web stesse.

Riorganizzazione per Forcepoint: l’azienda ha definito per le sue attività quattro unità di business focalizzate ciascuna su un’area strategica specifica e non solo su prodotti mirati. La struttura comprende ora le divisioni Cloud Security, Network Security, Data & Insider Threat Security e Global Governments. Cloud Security sviluppa le soluzioni cloud, ibride e on-premise di Forcepoint per la sicurezza e “assorbe” anche le competenze da cloud access security broker (CASB) dell’acquisita Skyfence. Network Security è focalizzata sui firewall di nuova generazione, mentre Data & Insider Threat Security si occupa della prevenzione dalla perdita dei dati e della protezione da minacce interne e Global Governments ha come target i mercati federali (negli USA) e della Difesa.

Lenovo Yoga 910
Lenovo Yoga 910

Lenovo ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale, terminato il 31 dicembre scorso, con diversi segni meno. I ricavi (12,2 miliardi di dollari) sono calati del 6 percento anno su anno e l’utile netto (98 milioni) addirittura del 67 percento. La società segnala che i suoi tre mercati principali (datacenter, mobility, PC) mostrano un crescita ridotta o nulla, i problemi sembrano però più legati alla parte mobile, che nel trimestre ha visto i ricavi (2,2 miliardi di dollari) calare del 23 percento anno su anno con una perdita di 112 milioni di dollari. Flessione marcata anche per il Data Center Group (1,1 miliardi di dollari di ricavi, -20 percento anno su anno) mentre il PC and Smart Devices Business Group è cresciuto (+2 percento anno su anno, 8,6 miliardi di dollari di ricavi) grazie in particolare ai risultati del mercato americano e dei tablet. Ora si punta su questi, Chromebook, 2-in-1 e gaming.

Si chiama Watson for Cyber Security la tecnologia cognitiva che IBM Security ha sviluppato per i Security Operations Center (SOC). Watson è stato addestrato al linguaggio della cyber security ed è alla base della nuova piattaforma Cognitive SOC e dell’applicazione QRadar Advisor with Watson. La prima mette le tecnologie cognitive nelle mani degli analisti della sicurezza, migliorandone la capacità di colmare le lacune nelle informazioni, mentre la seconda assiste nell’indagine delle potenziali minacce e negli interventi correttivi tramite la piattaforma di security intelligence QRadar di IBM.