CloudDatacenter

Ihab Tarazi (CTO Equinix), le aziende più efficienti sfrutteranno edge computing e interconnessioni top

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

MWC 2017 VIDEO Ihab Tarazi (CTO Equinix) – Vantaggio strategico saranno non solo i data center di qualità enterprise ma una strategia di colocation clouds/networks con Google, Microsoft e Amazon

Equinix aveva chiuso il 2016 con una serie di interessanti previsioni relative all’anno in corso.
Da sempre l’obiettivo dell’azienda è offrire servizi di comunicazione tra i data center delle aziende più importanti e i loro clienti e partner. Oggi è presente in 40 Paesi, con un portafoglio di 8mila clienti, e mette a frutto la sua piattaforma che connette gli ecosistemi consolidati degli scambi internet, con i contenuti, il trading, le aziende e i fornitori di big data.

Tra le previsioni per quest’anno, Equinix aveva distinto: l’effettivo approdo convergente al multi-cloud – per connettere ecosistemi eterogenei e separati; l’affermarsi conseguente di una naturale estensione dei confini dell’azienda fino all’edge (tema che ricorre in tutto il MWC 2017), dove si trovano dati e utenti con l’esigenza di ripensare alle interconnessioni per interlacciare gli ecosistemi digitali e fisici, in uno scenario in cui il data center scala in modo massivo in capacità di interconnessione e capacità.

Secondo Equinix nell'era Cloud + IoT + Fog Computing
Secondo Equinix nell’era Cloud + IoT + Fog Computing bisognerà disporre di un’Interconnection Oriented Architecture (IOA). E’ il core business dell’azienda

Oltre a questi ovviamente la sicurezza a partire dalla consapevolezza che i fornitori di cloud non offrono soluzioni onnicomprensive, cui guardare nell’era del cosiddetto Interconnected Commerce, per cui l’approccio a silos dei sistemi di pagamento sarà poco alla volta abbandonato a favore di modalità di tra il pagamento e lo shopping vero e proprio con integrazione di dati, marketing, nuovi servizi.

In ultimo l’immancabile focalizzazione su infrastrutture software-defined, con il networking prima dipendente esclusivamente da infrastrutture fisiche che va verso la centralizzazione e l’automatizzazione nella gestione di network estesi.

Con il 5G e IoT che abiliteranno nuovi servizi ma nella diminuzione della pressione sulle reti corporate e con il traffico distribuito in modo più ampio. Ecco questo e altro  – seguendo una sorta di filo rosso che lega in questo senso (a seconda delle diverse realtà) anche HPE, VMware e Red Hat – sono i temi di cui  parliamo in video con Ihab Tarazi, CTO Equinix con particolare focalizzazione su approccio edge e colocation.

Partecipate alla nostra inchiesta: Sicurezza IT, come difendersi?


… per rispondere alle altre tre domande, clicca qui…