CloudCloud managementSaas

HPE OneSphere, Saas per la gestione multi-cloud

HPE OneSphere è offerto come servizio per gestire le architetture multi-cloud. Permette un’esperienza unificata attraverso cloud, siti, tool di orchestrazione, soluzioni PaaS (Platform-as-a-Service) e container, minimizzando la necessità di competenze specialistiche

Trend ineluttabile in questi anni di sviluppo e proliferazione degli scenari cloud sarà assicurare ai clienti la possibilità di gestirli e sfruttarli in modo tale da non ricadere nei limiti architetturali dei data center a silos, da cui il cloud ha permesso di affrancarsi. Di fronte alla complessità crescente in questi ambiti HPE propone OneSphere, una soluzione per la gestione multi-cloud per fornire un’esperienza unificata su public cloud, private cloud e risorse on-premises, come sulle infrastrutture software defined.

OneSphere è offerto come servizio, come punto di accesso unificato, come portale Saas, e offre una visione sull’intero pool di risorse IT, comprensiva dei servizi di cloud pubblico ai quali è registrato il cliente; è progettato in modo da facilitare le operation IT agli sviluppatori come agli executive che intendono creare cloud e disporre di analisi sull’infrastruttura IT utilizzata in modo più veloce oppure ancora implementare applicazioni e gestire le informazioni per competere nel migliore dei modi.

Come lavora HPE OneSphere

Le nuove applicazioni che vengono create siano esse generate su ambienti virtuali, container o come micro servizi, generano complessità crescenti, e quando poi un’azienda si ritrova con diversi punti di gestione delle risorse alla fine fallisce proprio l’obiettivo di orchestrazione.

OneSphere lavora proprio a questo: pensata per semplificare drasticamente le operazioni, la soluzione funziona con macchine virtuali, workload containerizzati e applicazioni bare metal, così da lasciare la possibilità di comporre cloud ibridi capaci di supportare tanto le applicazioni tradizionali quanto quelle native su cloud.

HPE OneSphere
HPE OneSphere

Tre quindi i punti di forza più importanti del servizio. (1) La possibilità per gli amministratori di creare cloud e rilasciare macchine virtuali, container e bare metal in pochi minuti. Al crescere dei progetti, HPE OneSphere consente il rapido provisioning dinamico attraverso ambienti on-premises e public cloud.
(2) Con gli appositi workspace Projects, HPE velocizza lo sviluppo e il deployment di applicazioni con gli sviluppatori che possono effettuare provisioning self-service e accedere a cataloghi contenenti template, servizi, applicazioni e tool nativi per il cloud.
(3) OneSphere fornisce una visione globale dei costi aggregati e di utilizzo di tutti i deployment on-premises e su public cloud. E’ possibile dettagliare i costi di “showback” per cloud, sito, line of business, applicazione o abbonato, e abilitare il reporting self-service dei costi in tempo reale verso utenti designati.

WHITE PAPER: Sei interessato ad approfondire l’argomento?  Scarica il whitepaper Scegliere la giusta soluzione per la sicurezza SaaS