CloudDatacenterNetworkService provider

Equinix Internet Exchange approda in sette nuove aree europee

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l’evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

Con la crescita del traffico IP, Equinix vuole offrire alla comunità di peering una soluzione Internet Exchange scalabile, affidabile e diffusa in tutti i mercati chiave

Equinix Internet Exchange approda in altre sette nuove città in Europa e in due nuove aree Usa. Saranno quindi servite tra la fine del 2017 e i primissimi mesi del 2018 Amsterdam, Dublino, Francoforte, Londra, Manchester, Milano e Stoccolma e, negli Usa, Denver e Houston. Vediamo come il traffico IP guidato dal cloud, mobile, IoT, video, giochi e data/analytic continui a crescere, e la necessità di reti per lo scambio di traffico privato, o “peer” sia in accelerazione.

Equinix risponde a questa esigenza espandendo le capacità di peering al confine digitale in prossimità di consistenti popolazioni di utenti, app, dati e contenuti. Così o service provider e i loro clienti possono operare in modo più efficiente, migliorando le prestazioni, la velocità e l’affidabilità della rete end-to-end riducendo al contempo i costi generali di transito IP.

In pratica sfruttando il suo Internet Exchange, i clienti possono trarre vantaggio dal nuovo potenziale business per interconnettersi con clienti e partner attraverso la propria supply chain digitale e creare ulteriore valore di business attraverso gli ecosistemi verticali.

Equinix Internet Exchange - Location attive e prossimamente attive
Equinix Internet Exchange – Location attive e prossimamente attive

L’azienda a questo proposito ha da poco annunciato anche la fase di evoluzione della propria piattaforma globale che prevede la connessione fisica diretta e virtuale dei data center Equinix International Business Exchange mondiali per la connessione a richiesta con qualsiasi altro cliente, praticamente un punto a punto da qualsiasi location Equinix.  

Così Internet Exchange consentirà ai fornitori di servizi Internet di effettuare il peering del traffico in modo facile per sfruttare al massimo le possibilità di interconnessione. Le possibilità di copertura attuali prevedono 1100 ASN con la maggior parte del traffico, 7500+Gbps globali, nella maggior parte delle location, quindi in 31 aree metropolitane tra Americhe, Emea e Apac.

Equinix fornisce inoltre i servizi Cross ConnectsConnect e altri servizi per abbassare il TCO e una maggiore efficienza nella gestione e negli scambi di traffico IP. L’offerta della suite completa dei servizi di interconnessione sarà estesa in ogni area metropolitana coperta dall’azienda. 

Equinix Internet Exchange, a parte la fase attuale di espansione è già offerto in undici aree nelle Americhe, in cinque aree Emea – Ginevra, Helsinki, Parigi, Varsavia, Zurigo – e in sei aree Apac, tra cui Hong Kong, Sydney e Tokyo. Ovviamente per la maggior interoperabilità possibile Equinix non rinuncia a collaborare nei mercati chiave con altri Internet Exchange (AMS-IX, LINX, DE-CIX, TorIX e JPNAP).