CloudCloud managementData storageDatabaseEnterpriseFisco e FinanzaM2MNetwork

Le brevi della settimana

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Google + Linkedin Subscribe to our newsletter Write a comment

Le novità di Microsoft, Oki, TIM, Dell, Salesforce e Oracle

Le aziende che utilizzano servizi cloud possono sperimentare problemi legati alla connettività verso i servizi stessi, che a sua volta non è semplice da gestire perché non sempre si ha una visibilità completa su cosa c’è tra i propri sistemi e il (o i) datacenter a cui ci si affida. Per questo Microsoft ha sviluppato un tool apposito battezzato – non proprio con originalità – Network Performance Monitor (NPM) e che fa parte della Operations Management Suite. Il suo compito è controllare costantemente, via ICMP e TCP, lo stato dei vari collegamenti tra utenti, datacenter e cloud. Si basa sull’uso di agenti installati su PC, workstation e server Windows o Linux.

Arriva da Oki una nuova stampante multifunzione a colori in formato A4. Siglata MC563dn, rappresenta un ampliamento della serie MC500 pensato per le aziende che hanno bisogno delle funzioni di sicurezza che Oki ha inserito in modelli di fascia più alta ma non di tutte le altre loro caratteristiche. Per questo la nuova MC563dn prevede ad esempio la funzione Private Print: i documenti da stampare sono inviati in rete crittografati alla stampante e subito cancellati una volta stampati. Le altre specifiche tecniche indicano una velocità massima di stampa di 30 ppm, risoluzione di 1.200 x 1.200 dpi, connettvità Gigabit Ethernet, stampa in wireless opzionale con compatibilità Apple AirPrint e Google Cloud Print.

Oki MC563dn
Oki MC563dn

A complemento dell’iniziativa 5G for Italy che avevano avviato nel 2016, TIM ed Ericsson hanno definito un nuovo protocollo di intesa per accelerare l’evoluzione delle reti mobili verso le nuove tecnologie 5G. Le due aziende hanno deciso in questo senso di rafforzare la loro collaborazione, mettendo in comune competenze e laboratori nello studio delle componenti per i servizi digitali di nuova generazione. In particolare – si spiega – il lavoro di sviluppo congiunto riguarderà la progettazione e il test delle infrastrutture di accesso, dei relativi sistemi di antenna e delle soluzioni di virtualizzazione della rete. Il tutto anche attraverso la partecipazione congiunta a progetti di ricerca italiani ed europei.

Dell ha presentato una nuova linea di gateway per le applicazioni IoT, la serie Edge Gateway 3000. Comprende tre modelli progettati in maniera specifica come soluzioni embedded per tre ambiti: automazione industriale ed energia, trasporti e logistica, digital signage e retail. Il loro scopo è analizzare direttamente sul posto i dati raccolti dai sensori all’edge della rete e avviare subito eventuali reazioni. A parte la dotazione di connettori specifici per i tre ambiti applicativi, l’hardware dei tre gateway è lo stesso e prevede tra l’altro processori Atom, vari sensori (GPS, accelerometri, pressione atmosferica), alimentazione anche via Power-over-Ethernet. I sistemi operativi supportati sono Windows 10 IoT Enterprise e Ubuntu Core.

Edge gateway 3002
Il Dell Edge Gateway 3002 montato su un veicolo

Percentuali di crescita rilevanti nei risultati finanziari di Salesforce per il quarto trimestre fiscale 2017, terminato alla fine dello scorso gennaio. La software house ha registrato ricavi per 2,29 miliardi di dollari (+27 percento anno su anno) con una crescita del 25 percento per la parte più rilevante (2,11 miliardi) legata agli abbonamenti e al supporto. Salesforce ha indicato che la sua Sales Cloud ha superato la soglia dei 3 miliardi di dollari di ricavi (+13 percento anno su anno per tutto l’anno fiscale) e che anche la Service Cloud è cresciuta bene (+20 percento, sempre per tutti i dodici mesi). Alla fine l’utile del trimestre però è una perdita, di sette centesimi di dollaro per azione. Il prossimo obiettivo, secondo Salesforce, è superare per l’anno fiscale 2018 la soglia del dieci miliardi di dollari di fatturato.

Oracle ritiene evidentemente che il modo migliore di usare i suoi database sia in cloud o nella versione “at Customer”, la gran parte delle aziende però preferisce avere anche a disposizione la classica installazione vecchia maniera. Ecco quindi che qualche tempo dopo il lancio della versione cloud sono ora disponibili le prime release di Oracle Database 12c R2 per l’implementazione on-premise. Al momento la software house ha rilasciato solo le versioni per Linux e Oracle Solaris (per processori Sparc e x86).