CloudVirtualizzazione

Citrix e Bauli, la virtualizzazione fa ‘dolce’ il business

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

Bauli ha ottimizzato l’infrastruttura applicativa nell’era della mobilità con Citrix. Sollecitata da una serie di acquisizioni ecco il percorso e gli sviluppi futuri dell’azienda che con Citrix ora eroga anche SAP Hana

Il marchio Bauli è conosciutissimo. Torna sulla bocca di tutti per il Natale e durante le feste comandate con il pandoro, il panettone, la colomba pasquale, ma si fa apprezzare in tutti i giorni dell’anno con gli altri prodotti dolciari.
Pochi invece sanno che nel 2006 l’azienda ha acquisito Doria (produce i biscotti Bucaneve, Atene e Doriano) e probabilmente non ci pensiamo mai quando andiamo a fare la spesa ma dal 2009 proprio Bauli ha acquisito dal gruppo Nestlé i prodotti da forno di Motta, Alemagna, il Tartufone (Motta), Trinidad e Gran Soffice e infine nel 2013 acco l’ultima rilevante acquisizione del gruppo Bistefani (quelli dei biscotti Krumiri).
Parliamo di una realtà che opera nella provincia di Verona per un fatturato complessivo annuo di circa 460 milioni di euro (sviluppato con 170 tipologie di prodotto), con 1214 dipendenti in 4 stabilimenti con 31 linee di produzione e 27 centri per la distribuzione.

Proprio le diverse acquisizioni nel corso del tempo hanno reso complessa l’organizzazione informatica: si pensi all’integrazione applicativa tra le diverse realtà, alla configurazione, agli aggiornamenti, anche solo a livello di postazioni utente in azienda. Proprio dall’acquisizione Bistefani in poi è cresciuto in modo esponenziale l’utilizzo da parte di tutti dei dispositivi mobile e questo si è riflesso sulle problematiche di gestione del comparto IT.

E si sa, un’applicazione che non è stata pensata per il mondo mobile è difficile che possa essere ben utilizzata in mobilità.  Nel caso specifico di Bauli si sono aggiunti, tra gli altri problemi, quelli legati all’organizzazione logistica: Bauli dispone di depositi periferici connessi in MPLS (Multi Protocol Label Switching), strategici nella supply chain, specialmente nei momenti di picco della domanda (proprio il Natale per esempio). Da qui l’esigenza di un loro collegamento immediato e affidabile con l’ufficio centrale.

Da qui la scelta di affidare a Citrix e Personal Data (Citrix Platinum Solution Advisor) l’implementazione di tre soluzioni, a partire dal 2010.
Con Citrix XenApp, implementata all’interno di XenDesktop, Bauli ha pubblicato tutte le applicazioni aziendali richieste, con centralizzazione dell’installazione e quindi la riduzione delle configurazioni necessarie solo per le macchine adibite alla pubblicazione, estendendo la connessione non solo – come prima – tramite MPLS ma anche con Internet con lo stesso punto di logon. Sono stati implementati i terminali Praim con OS Linux customizzato e Citri Receiver.

Sui terminali Praim con il software di gestione centralizzato ThinMAN sono state predisposte configurazioni base da inviare ai Terminali senza ulteriori lavori nelle sedi specifiche.
Infine proprio a un anno di distanza dall’acquisizione di Bistefani con XenDesktop sono stati connessi i 70 utenti Bistefani ai sistemi IT di Bauli (2014). L’ultimo passaggio è stato nel 2015 l’estensione dell’architettura Xen su tutti i dispositivi mobile in azienda, con la distribuzinoe delle applicazioni in remoto (con XenMobile e XenMobile Advanced Edition), per visualizzare le stesse app pubblicate da XenApp sugli smartphone.
Tutte le applicazioni, anche quelle critiche per il business sono state fatte rientrare nell’infrastruttura Citrix XenMobile e messe in sicurezza SSL con NetScaler che manderà in pensione il vecchio gateway Citrix facendo passare tutte le connessioni (Internet e MPLS) attraverso la nuova Virtual Appliance di Citrix.

Citrix Netscaler
Citrix Netscaler

Ecco, chi pensa che le applicazioni critiche debbano rimanere fuori sbagli e di grosso. Bauli ha scelto Citrix e Personal Data anche per l’erogazione di SAP Hana nelle sedi periferiche, senza dover gestire i singoli client e quindi delocalizzare nelle periferie ore lavoro per l’implementazione in loco delle potenzialità di Hana. Nella roadmap ora l’upgrade da XenApp 6.x a XenDesktop 7.8 per sfruttare la possibilità di creare dinamicamente Macchine Virtuali, indispensabile proprio nei periodi di picco della domanda.

Citrix XenDesktop 7.8 con AppDisk
Citrix XenDesktop 7.8 con AppDisk

A livello di architettura servirà poi abilitare una procedura di Host integration per abilitare XenDesktop a dialogare con l’HyperVisor del cliente. E infine Bauli pensa di implementare AppDisk per mantenere libere le macchine virtuali abilitate alla pubblicazione degli applicativi, perché l’app da pubblicare è abilitata agganciando AppDisk al catalogo di pubblicazione in cui sono inserite le VM.