CloudNetworkNetwork management

Cisco Live 2018, machine learning e automazione al servizio delle reti intelligenti

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

Le novità più importanti a Cisco Live 2018. Cisco Network Assurance, DNA Center Assurance e Meraki Wireless Health i tasselli che si aggiungono alla proposta per reinventare l’Intelligent Network

Come ci sorprenderanno i prossimi trent’anni, sulla scorta dei trent’anni IT che abbiamo già vissuto? Come riusciranno a stupirci? Sulla scorta di questi interrogativi, Rowan Trollope, Senior Vice President and General Manager Cisco’s Applications, ha aperto Cisco Live 2018 a Barcellona.
Nel 2050 sulla terra ci saranno oltre 9 miliardi di persone – servirebbero praticamente due pianeti per soddisfare i bisogni di tutti – e per questo bisognerà diventare decisamente più efficienti e sfruttare a fondo le tecnologie che iniziamo ora a comprendere.

Rowan Trollope, Senior Vice President and General Manager Cisco’s Applications Emear

Questa la risposta del VP che declina i pilastri strategici per assolvere a questo compito, per quanto riguarda Cisco: Automazione delle reti (dalla proposta Cisco UCS a Cisco Intelligent Automation for Cloud), Sicurezza e Collaboration (Cisco Spark) per approdare alla cosiddetta Age of Intelligence.

I tasselli tecnologici ci sono. Machine Learning e Intelligenza Artificiale, certo ma con l’imperativo categorico di sviluppare le soluzioni sotto l’imperativo della “sicurezza by design” ; oggi questo è considerato fondamentale per il 70 percento degli “architetti” dell’innovazione, mentre poi solo il 40 percento dei progetti risponde ai requisiti. 

Cisco in questo ambito può dire molto perché il portafoglio di prodotti disponibili per reti sicure dall’endpoint al cloud è già considerato best of breed nei quadranti magici. E tuttavia riconosce che i bisogni generati dall’arrivo di Internet Of Things, dagli scenari in cui tutto e tutti sono connessi richiedono di “reinventare” le reti, in accelerazione. Da qui il bisogno di sbloccare il potere dell’informazione per individuare le minacce in uno scenario liquido in cui l’85 percento dei clienti ha già abbracciato soluzioni di public cloud, ma vede come virtuoso l’approccio multicloud. 

David Goeckeler, EVP e GM della divisione Networking and Security.

Proprio lo slogan Reinventing Network costituisce a Cisco Live il nocciolo del contributo di David Goeckeler, EVP e GM della divisione Networking and Security. Che tocca i punti più importanti per l’automazione e la sicurezza delle reti ripercorrendo i benefici della proposta Cisco DNA Center.

La soluzione offre la gestione centralizzata per la progettazione, il provisioning e l’applicazione delle policy nell’intero ambiente di rete, evidenziando la prospettiva più adeguata per ottimizzare prestazioni e applicazioni nella rete “intuitiva”.

Consente infatti di definire i profili degli utenti e dei dispositivi per facilitare l’accesso e la segmentazione della rete in base alle esigenze aziendali, e quindi sfrutta i DNA Analytics e Assurance per fornire un’esperienza coerente e monitorare proattivamente la rete, risolvendo i problemi eventuali e ottimizzando le risorse. DNA Analytics e Assurance rappresenta infatti il tassello che offre piena visibilità sulla rete, raccoglie i dati da dispositivi e applicazioni, li correla con gli utenti e identifica i problemi. Così i tool di analisi permettono di aumentare l’efficienza operativa e diminuire i tempi di intervento.

Gli annunci più importanti a Cisco Live 2018 (Barcellona)

A Cisco Live ecco quindi gli annunci relativi alle possibilità di Insight e di Visibilità sulle risorse enterprise come anche la possibilità di verifiche puntuali nel data center, da qui: DNA Center Assurance, Meraki Wireless Health e Cisco Network Assurance Engine.

Cisco DNA Center Assurance

Con DNA Center Assurance, Cisco offre il servizio in grado di correlare gli utenti con il comportamento da loro tenuto nell’utilizzo delle applicazioni e il comportamento delle applicazioni stesse per compiere previsioni su possibili criticità. DNA Center Assurance infatti è ingrado di isolare i problemi per consentire al team IT di trovare più in fretta la soluzione agli stessi, potendoli replicare per offrire poi una soluzione guidata.

Meraki Wireless Health

Meraki Wireless Health invece rappresenta uno strumento sofisticato di gestione della salute delle risorse che operano sul cloud per automatizzare le operazioni di rete, in pratica è in grado di individuare punti di accesso alla rete con performance limitate per qualsivoglia motivo e fornisce strumenti di approfondimento mirato per migliorare il servizio.

La soluzione aiuta i team IT a verificare che gli utenti siano in grado di accedere ai nodi di rete come previsto e godano della migliore esperienza wireless, lo fa semplificando l’analisi delle cause di inefficienze con una visualizzazione in un’unica dashboard, per offrire risposte proattive a domande complesse senza costringere all’analisi umana attraverso l’intero stack della rete. 

Cisco Network Assurance

Arriviamo a quella che forse rappresenta la novità più importante e cioè Cisco Network Assurance Engine. Il motore verifica in tempo reale e in forma continuativa lo stato della rete dei data center e utilizza modelli euristici per individuare i relativi problemi. I modelli sono generati sulla scorta di oltre trent’anni di rilievi già patrimonio di Cisco.

Al rilevamento di un problema o di un nuovo scenario Cisco Network Assurance è in grado di prevederne l’impatto, risolvere in modo proattivo le eventuali interruzioni di servizio, assicurarsi della conformità ai processi di sicurezza, in pratica prevedendo ogni possibile impatto sulle modifiche apportate dagli amministratori, anche prima che siano effettuate. Cisco Network Assurance è in grado di compiere questa operazione perché sfrutta due tecnologie fondamentali per questo scopo già valorizzate da Cisco, infatti il suo “motore” è collegato alle app e al monitoraggio delle reti tramite ACI e Tetration.

Cisco ACI, Application Centric Infrastructure, è una software-defined networking architecture, un’architettura che miscela hardware e software di rete per permettere un controllo centralizzato e automatizzato di tutti i processi . Cisco Tetration è invece la componente “telemetrica” in grado di valorizzare le informazioni  sulle applicazioni (con l’analisi dei comportamenti e il machine learning), per realizzare modelli di policy di segmentazione dinamici e automatizzare l’applicazione della policy, indipendentemente dai carichi di lavoro che siano su cloud privato o pubblico.