CloudEnterpriseFisco e FinanzaLaptopMobilityPaas

Le brevi della settimana

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Le novità di Veeam, IBM, Toshiba, Synology, Asus e Oracle

Gennaio è tempo di bilanci e Veeam Software ha reso pubblici i risultati finanziari per l’anno fiscale 2016. Tra i dati di sintesi troviamo una crescita dei ricavi (607,4 milioni di dollari) anno su anno del 28 percento, crescita che secondo la software house è stata favorita “da un importante aumento dei ricavi del segmento enterprise e cloud”. La vendita di nuove licenze enterprise è cresciuta del 57 percento anno su anno scorso e il numero di nuovi clienti enterprise è salito a 761. Proprio in ambito enterprise e cloud si sono concentrate le novità degli ultimi rilasci software tra cui la Veeam Availability Suite 9.5.

Bilancio di fine anno anche per IBM, con notizie positive e negative insieme. La parte negativa sono i segni meno per i ricavi del quarto trimestre (21,8 miliardi di dollari, -1 percento anno su anno) e di tutto il 2016 (79,9 miliardi, -2 percento), come anche per l’utile netto del 2016 (11,9 miliardi, -11 percento). La parte positiva sta nella valutazione dei risultati limitandoli agli “imperativi strategici” (cloud, mobile, analytics, sicurezza, social): 32,8 miliardi di dollari per il 2016 con una crescita del 13 percento anno su anno. Spicca la crescita del cloud: 35 percento a 13,7 miliardi di dollari.

Ginny Rometti, CEO di IBM
Ginny Rometti, CEO di IBM

Secondo Reuters, Toshiba starebbe per cedere una quota di minoranza del suo business legato alla produzione di chip e in particolare di memorie NAND, di cui è il secondo produttore mondiale. L’operazione sarebbe necessaria perché l’azienda giapponese è alla ricerca di fondi dopo che la divisione legata agli impianti nucleari sta per registrare una perdita imprevista di 4-6 miliardi di dollari. Il business delle memorie NAND è uno dei principali di Toshiba ed è valutato almeno una decina di miliardi di dollari. Toshiba potrebbe cederne il 20-30 percento e tra gli interessati pare ci sia anche Western Digital.

Nell’ambito di un rinnovamento della sua gamma prodotti, Synology ha lanciato Surveillance Station 8.0, la nuova versione della sua piattaforma per la gestione di sistemi di videosorveglianza direttamente da parte dei suoi prodotti NAS. Tra le nuove funzioni abilitate si segnalano la presenza di un client software vero e proprio che fa a meno dell’interfaccia browser, o streaming di più canali video con gestione dinamica della risoluzione video, nuove regole d’azione e il supporto di più codec video.

Asus ZenBook UX330
Asus ZenBook UX330

Lo scorso CES 2017 è stato il momento clou per la presentazione di molti portatili con i nuovi processori Kaby Lake, ora Asus ha presentato un nuovo ZenBook da 13,3 pollici – siglato UX330UA – che li adotta e si presenta più sottile del 15 percento rispetto al suo predecessore UX305. Lo spessore è di 13,5 millimetri, il peso di 1,2 chilogrammi. Tra le specifiche tecniche principali: display QHD+ (3.200 x 1.800 pixel), autonomia massima di 12 ore, processori Core i5 e i7. Prezzo consigliato di 1.399 euro.

Oracle rafforza il suo impegno nella cosiddetta “API economy” con l’acquisizione di Apiary e della sua piattaforma APIFlow per lo sviluppo di interfacce applicative tra ambienti diversi, in cloud e non. Anche Oracle ha una sua piattaforma cloud simile – la API Integration Cloud – a la combinazione di questa con APIFlow dovrebbe nelle intenzioni creare un’offerta più trasversale e interessante per le aziende utenti. Oracle inoltre così si rafforza in un segmento in cui altri suoi concorrenti hanno investito già da tempo.